La tecnologia non smette mai di far progressi e l’argomento che oggi vi andiamo a proporre ne è un esempio: il motorino elettrico.

Questo veicolo è composto da 2 o 3 ruote ed è caratterizzato da un motore elettrico, quindi ecologico ed economico al tempo stesso in quanto ci permette di risparmiare sulla benzina e non solo come vi verrà spiegato.

 

Come funziona un motorino alimentato elettricamente

I primi modelli di questi veicoli erano costituiti da motori a corrente alternata, soluzione ora superata dall’utilizzo di motori “bruschless” che,non solo, permette prestazioni migliori,ma riescono a rendere i mezzi molto più maneggevoli, praticamente azzerando anche il rumore generato, a tutto vantaggio dell’inquinamento acustico.

In giro ce ne sono molti, ci passano d’avanti e non ce ne rendiamo conto, questo perché l’estetica è del tutto identica al motorino tradizionale. Rispetto al modello tradizionale, il serbatoio del nostro motorino elettrico è costituito da una batteria al litio, più comunemente, o anche al silicio.

Ora la domanda che vi state ponendo è “quanto duri questa batteria?”

Dipende ovviamente dalla qualità della batteria in uso ma in linea generale quelli attualmente sul mercato hanno un’ autonomia di 60 km con una batteria carica al massimo, ovviamente a seconda delle circostanze di utilizzo, ad esempio in salite ripide o con un carico eccessivo la durata si riduce sensibilmente.

Caricare queste batterie non è mai stato così facile, infatti basta collegarla alla normale presa di casa a 220V ed il gioco è fatto, praticamente come facciamo con i nostri cellulari.

La durata di carica va dalle 4 alle 8 ore a seconda del modello. Il costo di una ricarica è di 0,40 euro, calcolando approssimativamente che con un euro di corrente si percorrono circa 140 km.

I vantaggi del motore elettrico

Quanto costa un motorino elettrico?

Il costo del veicolo elettrico è la parte più importante per l’ acquirente che valuta la convenienza di tale prodotto. Il costo va dai 2 mila euro a salire in base alla qualità del modello, al tipo di motore elettrico scelto, alla qualità dei materiali ecc. I modelli in commercio offrono una velocità massima di 45 km/h ma ci sono anche modelli che riescono ad arrivare ad una velocità di 70 km/h.

 

Ecologico ed economico

Il motorino elettrico funziona con corrente elettrica, come già detto, e ciò permette all’ambiente di “respirare meglio” evitando emissioni di CO2 che provocano soltanto danni, sia all’uomo che all’ambiente.

Inoltre grazie alla totale mancanza di emissioni non vi sono limitazioni sulla circolazione in quanto anche in zone a traffico limitato (ZTL), blocchi del traffico e anche in aree pedonali è possibile circolare con questo tipo di veicolo.

Forse dal prezzo citato in precedenza non sembra, ma il costo non è elevato in quanto vi basti pensare ad alcune semplici spese quali la benzina in primis che non servirà più e ne guadagnerete anche in termini di tempistica, oppure allo sconto sull’assicurazione RC del 50%, ma non solo, non ci sono costi di meccanica, tranne quelli sulle gomme e sul controllo dei freni.

Inoltre non si paga il bollo per i primi 5 anni.

 

Alcuni svantaggi del motorino elettrico

Fino ad ora abbiamo parlato solo dei lati positivi del motorino elettrico, ma anche esso presenta degli svantaggi.

Uno su tutti è la durata della ricarica che va ben oltre rispetto a quanto impiegato in un rifornimento di benzina, anche se va detto che i tempi di ricarica sono in miglioramento ma si è ancora al di sotto dell’ora. Un altro svantaggio è dato dalla scarsa presenza di colonnine di ricarica nelle diverse città, quindi non si può andare in posti molto lontani.

Inoltre la velocità e la ripresa di questi veicoli è inferiore ai modelli a benzina, a parità di prezzo.